Kering, gli ottimi risultati del primo semestre

kering rsultati straordinari 2019

Sei mesi da Record per Kering

Il Gruppo Kering  raggiunge nei primi sei mesi del 2019 dei risultati estremamente significativi, registrando ricavi per 7,6 miliardi di euro, con un margine operativo lordo pari a 2,3 miliardi (+25,4%) e un ebitda di 2,8 miliardi.

Anche a livello di Brand si possono vedere ottimi risultati per alcuni dei marchi più conosciuti. Saint Laurent, ad esempio, ha registrato vendite pari a oltre 950 milioni (ciò significa oltre il +20% su base reported e + del 15% su base comparabile). Il risultato non è da imputare, secondo le note ufficiali, ad un comparto in particolare quanto piuttosto dagli sforzi di tutti i canali e delle strategie del marchio guidato da Francesca Bellettini. Andando più nel dettaglio, i comparti che hanno ottenuto risultati molto significativi sono rispettivamente il retail (+19% delle vendite su base comparabile) e il wholesale (+10%).

Per quanto riguarda gli altri marchi del gruppo, i ricavi hanno raggiunto quota 1,22 miliardi di euro, in crescita del del 23,1% su base reported e del 20,3% su base comparabile. Una performance che, come riportato, riflette il momento positivo che riguarda BalenciagaAlexander McQueen, e le maison di preziosi.

Gli ottimi risultati di Gucci

In questo semestre che, possiamo tranquillamente dire, trionfale per i risultati del gruppo kering anche Gucci non è da meno. Con ricavi per 4,6 miliardi nella prima metà dell’anno,  il famoso brand del Gruppo Kering raggiunge una crescita di quasi il 20% su base reported con un ROI di 1,88 miliardi di euro (+26,7%) ed un margine pari al 40,6 per cento.

Per la Stella del Gruppo Kering, tuttavia, le notizie non si limitano soltanto ai risultati economici ma anche sul lato sociale e riguarda la recente nomina di Renée E. Tirado alla guida dei progetti sulla diversità, l’equità e l’inclusione a livello globale dell’azienda. La manager ha ricoperto in precedenza un ruolo molto simile presso la Major League Baseball e riporterà direttamente al presidente e CEO Marco Bizzarri.

All'interno del comunicato in proposito, si legge che Tirado sarà responsabile dell’ideazione, dello sviluppo e dell’implementazione di “una strategia globale volta a creare un ambiente di lavoro ancora più inclusivo ed equo, rafforzando inoltre la diversità rispetto alle iniziative commerciali Gucci. Il suo ruolo include garantire l’implementazione della diversità, dell’equità e dell’inclusione (DE&I) in tutte le regioni, assumendo e guidando un team globale di DE&I”.

Il progetto Changemakers

Pochi mesi fa Gucci ha avviato il progetto Changemakers, un programma globale a mirato a sviluppare la valorizzazione della Diversità e dell'inclusione. Lanciato già nel 2018, almeno internamente, il programma prevede un investimento di 5 milioni di dollari in un progetto volto ai cambiamenti sociali nelle città del Nord America (in particolare rivolto verso le comunità afroamericane). Un secondo investimento, pari a circa 1,5 milioni è rivolto al finanziamento di borse di studio sempre nella medesima area. L'impegno di cucci non si ferma qui e sponsorizza  una serie di iniziative globali che puntano a incoraggiare l’impegno di tutte le persone che lavorano per Gucci in progetti di volontariato e si guadagnano un sincero encomio da parte di tutta la comunità.

Top