Buone notizie dalla moda: 48 mila assunzioni nei prossimi cinque anni tra i giovani

Sostenere la crescita di un settore come quello della moda non è facile. Soprattutto per il mercato italiano dove comprende 67.000 aziende, oltre 580.000 addetti e un valore complessivo che va oltre i 95 miliardi di euro in fatturato; buone notizie sul tema dell'occupazione giovanile, in un contesto generale in cui stenta a scendere sotto la soglia del 30%. Secondo i dati di Confindustria Moda, entro il 2023 il settore avrà bisogno di circa 48 mila nuove assunzioni.

Circa un terzo di queste assunzioni saranno per i diplomati, principalmente provenienti degli istituti tecnici e professionali, mentre circa il 7% delle nuove assunzioni riguardano i neo-laureati. Approfondendo l'analisi per settore, oltre 23 mila assunzioni sono previste per il settore di Pelletteria-Concia-Calzature, seguito dal Tessile-Abbigliamento e Pellicceria  con oltre 22.000 assunzioni; più distaccati, ma altrettanto importanti, Occhialeria con quasi duemila assunzioni e per Oreficeria/Gioielleria con oltre mille assunzioni.

Tra i marchi a caccia di personale ci sono Gucci – con oltre 600 posizioni aperte, di cui 170 in Italia – Armani, Roberto Cavalli, Patrizia Pepe, Miss Sixty e Luisa Spagnoli.

 

Leggi anche Parità di genere? Il settore dell tecnologia | Smartworking: lontani ma vicini

Top