E-commerce e ERP: la necessità di integrare

“Il 12% delle aziende italiane opera nell’ E-commerce e il 79% di loro lo fa in ambito consumer. Il Registro Imprese conferma l’andamento dell’E-commerce in Italia: in tutto il 2019, le imprese attive che si sono registrate con codice ATECO 47.91.1 relativo al commercio online sono 6.968 ovvero il 20% in più rispetto a quelle registrate nel 2018” (Casaleggio Associati, Pensare Digitale)

Ma da dove nasce l’E-commerce?

E-commerce: cenni storici

L’ E-commerce affonda le sue radici nel 1894 quando Richard Sears negli Stati Uniti iniziò a vendere i suoi prodotti per corrispondenza tramite cataloghi dedicati. Il suo slogan era “Compra moderno comodamente da casa”. Questo catalogo in quegli anni crebbe fino a raggiungere 322 pagine. Comprendeva oggetti e prodotti di vario tipo come macchine da cucire, biciclette, articoli sportivi, automobili, bambole, fornelli e generi alimentari. Le vendite superarono i 400.000 dollari (10,9 milioni di dollari di oggi) e due anni dopo raddoppiarono. Questo modello statunitense venne poi importato in Italia negli anni 50 con la nascita di Postal Market, nata dall’idea di un’imprenditrice milanese.

Le aziende oggi

Possiamo dire che ad oggi ci troviamo di fronte ad una situazione tripartita.

  1. Aziende che non possiedono ancora l’E-commerce. Oggi, mai come prima è diventata una necessità fondamentale per poter continuare il business perciò le azienda che si trovano in questa categoria devono iniziare a valutare l’adozione di questo canale non tradizionale.
  2. Aziende che hanno esternalizzato l’E-commerce. Le aziende che utilizzavano questo canale come marginale hanno deciso di esternalizzare l’E-commerce. Questa scelta però porta a fare i conti con l’aumento dei volumi e una serie di altre importanti problematiche connesse.
  3. Aziende che hanno già l’E-commerce e lo hanno integrato con il proprio ERP.

Perché integrare l’E-Commerce con l’ERP è la strada da percorrere?

L’integrazione del gestionale con l’E-Commerce comporta numerosi vantaggi e vale la pena investire per realizzarla nel migliore dei modi. In ogni flusso dell’attività on line è richiesto che le informazioni raccolte dal sito E-Commerce vengano trasferite nel più breve tempo possibile all’interno dell’ ERP. Se il traffico delle vendite rimane limitato, è possibile prendersi il lusso di eseguire questa operazione manualmente; ma quando gli ordini cominciano a crescere, non è più possibile perché è un’operazione che richiede troppo tempo e soprattutto può comportare numerosi errori.

Quali sono gli obiettivi principali?

Come prima cosa possiamo dire che integrare risponde ad un’unica esigenza: conoscere come ottimizzare i dati! Quindi quali obiettivi vogliamo raggiungere?

  1. Ottenere un’elaborazione dati end-to-end
  2. Sincronizzare tutte le fasi di vendita
  3. Automatizzare
  4. Migliorare la visibilità
  5. Ottimizzare i processi
  6. Avere dati anche in real-time

Ci sono però aspetti cruciali dal punto di vista di processo e tecnologici che vanno considerati e analizzati. Vediamoli insieme.

Quali sono gli aspetti di processo da considerare?

Anzitutto è fondamentale sottolineare che durante il processo di integrazione la tecnologia è solo un abilitatore. Possiamo dire che non si tratta solo di scegliere la piattaforma giusta! L’E-commerce diventa un nuovo modo di vendere, di presentarsi al mercato, una nuova modalità che porta l’azienda a rivedere in parte i propri flussi. Proprio per questo, il primo passo è la conoscenza approfondita dei flussi che vanno verso l’e-commerce e viceversa.L’analisi strutturata dei processi è imprescindibile! Una buona integrazione nasce a valle di questa tipologia di analisi. Il rischio altrimenti è quello di avere una piattaforma E-commerce che non funziona o che funziona solo in parte.Inoltre la conoscenza approfondita dell’industry del proprio cliente è un elemento che fa la differenza. Questo perchè ogni settore ha le sue peculiarità che vanno necessariamente considerate.

Quali sono gli aspetti tecnici da considerare?

Per operare in modo professionale nel commercio elettronico è necessario disporre di due software affidabili e interconnessi:

  1. una piattaforma E-commerce che interagisca con il mercato;
  2. un ERP per la gestione e l’automazione della propria impresa.

Per garantire la massima efficienza di tutti i processi e l’assenza di errori è indispensabile che i due sistemi dialoghino direttamente e in “tempo quasi reale” e quindi siano integrati tra di loro. Infatti, un buon sistema di integrazione permette degli automatismi che semplificano e velocizzano i processi di vendita online, rendendoli scalabili e riducendo il rischio di errori e ritardi.

Quattro processi base da considerare

L’importazione dei prodotti: la sincronizzazione del feed dei prodotti dal gestionale all’E-commerce è cruciale. Nell’ ERP è possibile configurare le schede prodotto impostandone la descrizione, le varianti, i codici identificativi, i materiali e le immagini per importarle facilmente nella propria piattaforma e-commerce, riducendo tempi di caricamento, errori e discrepanze.

L’acquisizione degli ordini: la sincronizzazione degli ordini permette di aggiornare le disponibilità dei prodotti in tempo reale, migliorando l’esperienza d’acquisto del cliente e diminuendo il carico di lavoro degli addetti all’E-commerce.

Integrazione con le spedizioni: integrando ERP ed E-commerce, per ogni acquisto effettuato online, il sistema trasmette un ordine al magazzino che provvede alla spedizione e restituisce automaticamente un feedback. Permette così agli operatori di aggiornare il cliente in tempo reale, offrendo un ottimo servizio clienti.

La generazione delle fatture: integrando l’ERP con l’E-commerce, la fatturazione viene automatizzata velocizzando il processo di contabilizzazione degli ordini e assicurando la piena congruenza tra le transazioni online e i documenti fiscali e contabili.

Vuoi saperne di più? Contattaci

E-commerce: scenari di integrazione

In sintesi i possibili scenari di integrazione tra E-commerce ed ERP sono tre:

  1. Scenario sincrono in cui non ci sono integrazioni tra E-commerce ed ERP. L’E-commerce è in controllo e i processi sono indipendenti dall’ERP.
  2. Scenario sincrono in cui l’integrazione è in tempo reale e lo scambio dati è costante. In questo scenario, l’ERP è in controllo dei processi e dei dati, mentre l’E-commerce è un mero front end di vendita.
  3. Scenario ibrido in cui l’integrazione è parziale con uno scambio dati selettivo. In questo scenario i processi sono distribuiti tra ERP ed E-commerce che risultano fortemente interconnessi.

Occorre identificare e disegnare lo scenario più adatto per ogni azienda che sia già dotata di un ERP e desideri iniziare a vendere on line con processi di vendita B2B o B2C!

Perché noi di RTT possiamo aiutarti?

  1. Abbiamo una conoscenza approfondita delle piattaforme E-commerce, dei meccanismi che regolano il mercato on-line e del mondo degli ERP
  2. Abbiamo team con competenze diversificate. La nostra squadra è composta da professionisti con competenze specifiche in diversi ambiti. Siamo in grado in base all’esigenza dei nostri clienti di formare team ad hoc per adempiere a tutte le richieste.
  3. Abbiamo esperienza e conoscenza dei web services. Questo ci permettere di realizzare integrazioni con un basso livello di rischio in termini di compromissione del dato, grazie alla facilità di integrazione con qualsiasi soluzione esterna.
  4. Abbiamo competenze progettuali e di analisi dei processi. Studiare insieme la soluzione migliore vuol dire partire dall’analisi del tipo di prodotto o servizio venduto e delle tipologie di integrazioni necessarie con negozi, produzione, logistica, servizi o attività di consulenza, per arrivare a creare uno strumento personalizzato capace di rendere le attività interne efficienti e ottimizzate.

 

Se vuoi saperne di più, vieni a visitare la nostra pagina dedicata!

Top